Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Get Adobe Flash player
FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksRedditTechnoratiLinkedinRSS Feed

La Scuola Diocesana di Musica per la Litrugia non è una scuola privata di musica: la sua proposta si iscrive entro un settore preciso della missione pastorale della Chiesa diocesana.

La formazione liturgica oltre che musicale degli operatori nella liturgia è pienamente in accordo con quanto affermato dalla Costituzione conciliare sulla sacra liturgia: «Si curi molto la formazione e la pratica musicale […]. Si raccomanda inoltre, dove è possibile, l’erezione di istituti superiori di musica sacra. Ai musicisti, ai cantori […] si dia anche una vera formazione liturgica» (Sacrosanctum Concilium, 115).

La Scuola vuole essere centro animatore di cultura e di pratica della musica sacra e liturgica. Iniziative extra scolastiche quali concerti spirituali, conferenze, seminari, fanno parte della sua attività.

Pone sempre attenzione alle reali necessità delle comunità parrocchiali, e al bene della Chiesa: per questo motivo, la Scuola chiede che la domanda di iscrizione degli allievi venga controfirmata dal parroco, proprio per garantire l’intesa con le realtà di provenienza.

L’anno accademico si svolge (per i corsi ordinari) da inizio ottobre a fine maggio, e prevede prove di verifica, per testare la preparazione degli allievi (cfr. sezione Offerta formativa).

Dal punto di vista economico la Scuola non ha fini di lucro: è finanziata primariamente dalla quota di iscrizione versata dagli allievi ed è sostenuta, in caso di bisogno, dall’appoggio economico degli uffici diocesani interessati. Per gli aspetti amministrativo-legali è in linea con la prassi delle altre attività a carattere diocesano.

Login